Frank Ostaseski – Pensieri e riflessioni sull’identità

di Frank Ostaseski

Solitamente abbiamo la tendenza a creare e modellare un’immagine positiva di noi stessi, magari gonfiando le nostre capacità o la nostra importanza. Altre volte, al contrario, possiamo buttare benzina sul fuoco e dar vita ad un concetto negativo di noi stessi, esagerando difetti o debolezze. Sappiamo intrinsecamente che questa costruzione, ovvero l’immagine di noi che portiamo in giro e proiettiamo nel mondo, non è sostanziale né tantomeno reale eppure investiamo energie in essa e arriviamo a scambiarla per la realtà.

Siamo continuamente impegnati nel dare un’identità accettabile dalle nostre storie, finché gradualmente ci troviamo a vivere inconsapevolmente nella loro trama: non possiamo più separare la storia e ciò che siamo realmente. Non possiamo immaginare di esistere senza un’immagine di noi e i suoi attaccamenti. La pratica sgretola ciò che sembrava così solido: ci rendiamo conto che cambiamo costantemente impressioni e rappresentazioni, che la nostra storia è tenuta insieme da sputi, colla e abitudine. Veniamo alla consapevolezza che l’identità non è uno stato statico. Identificare è un’azione interiore, un processo che facciamo a noi stessi. Siamo già un’espressione unica di unità… perché lavorare così duramente per cercare di essere qualcosa di più?

Condividi questo contenuto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *