L’unica casa che abitiamo davvero: coltivare l’intimità con il corpo

Di Tiziano Furlanetto
Il primo passo fondamentale quando iniziamo un percorso di consapevolezza è quello di riprendere contatto con il nostro corpo. Perché è importante?

Viviamo in un mondo che esalta il pensiero e fin da giovani tendiamo ad identificarci con la mente pensante. Il corpo molto spesso rimane in secondo piano, un territorio inesplorato dal quale siamo totalmente sconnessi. Diventa quindi davvero importante re-imparare ad ascoltare il nostro corpo per una serie di motivi.

Prima di tutto, riprendere contatto con il corpo vuol dire smettere di darlo per scontato. È attraverso il corpo che ci muoviamo, sentiamo, odoriamo, tocchiamo, parliamo, mangiamo, interagiamo con la realtà esterna e con gli altri. Ci sembra tutto normale, ma se ci pensiamo per qualche istante capiamo immediatamente che non c’è nulla di scontato in questo processo eccezionale.

Inoltre, corpo e mente non sono due entità distinte, sono in costante interazione, potremmo dire che sono una cosa unica. I ricordi, le pianificazioni, i pensieri intrusivi e ricorrenti e le emozioni hanno sempre un correlato fisico che molto spesso tendiamo ad ignorare. A volte le percezioni fisiche sono così confuse che non sappiamo nemmeno riconoscere l’emozione che ci fa visita. Diventa tutto nuvoloso e poco chiaro. Il nostro corpo è una sorta di segnalatore portatile di quello che stiamo vivendo. Quando iniziamo ad essere stressati, il corpo ci invia dei segnali precoci, segnali che molto spesso non siamo in grado di cogliere. Poi piano piano lo stress si accumula, arriviamo ad un punto critico e crolliamo.

Prima del crollo psico-fisico, il corpo ci avvisa a modo suo che qualcosa non funziona e lo fa in maniera ripetuta, sta a noi imparare ad ascoltarlo: riprendere contatto con il corpo, significa sentirlo in maniera intima, coglierne i segnali di stress, diventare familiari con determinati pattern di sensazioni fisiche e stare con loro, non contro di loro. Se per esempio c’è fastidio o dolore nel corpo, molto spesso tendiamo a ignorarlo, a resistergli, a evitarlo, a ruminarci sopra: in questo modo ci stacchiamo dal corpo e tutto si amplifica in maniera spiacevole.

La pratica di consapevolezza ci può insegnare ad esplorare quello che c’è con curiosità e disponibilità piuttosto che volerlo controllare: è possibile trovare un agio che non dipende esclusivamente dalle sensazioni piacevoli.

Portando attenzione e consapevolezza al corpo, onoriamo i nostri limiti del momento. Molto spesso ci chiediamo 10 quando in realtà possiamo solo dare 5. Ci spingiamo oltre, fisicamente e mentalmente, e aumentiamo lo stress. Più siamo in una relazione di ascolto con il corpo, più siamo in grado di capire quando è il momento di fermarci un attimo. Smettiamo di chiederci l’impossibile.

Quando ci chiediamo l’impossibile, soffriamo: gran parte dello stress quotidiano è causato da una mente poco attenta, una mente scimmia che salta da un pensiero all’altro, che crea un mondo mentale parallelo e che perde il contatto con la realtà così com’è. Il corpo invece è sempre presente. Non è possibile portare attenzione e sentire le sensazioni di ieri e di domani, ma solo quelle di adesso. Quando la mente è persa e non è più qui, il corpo ci fornisce un utilissimo appiglio per riagganciarci al presente. È un effetto radicante: se gli portiamo attenzione, torniamo sulla terra, ricalibriamo il nostro centro, scopriamo un nuovo alleato, una sorta di antidoto naturale alla mente volante creatrice di mondi molto pensati e molto poco reali.

Portare attenzione aperta e curiosa al corpo significa ricominciare a viverlo in maniera piena. Se ci pensiamo un secondo, per molti di noi il corpo è un’enorme fonte di insicurezza e di giudizi pericolosissimi: a volte è troppo grasso, basso, troppo alto, brutto, ha le smagliature, invecchia, si ammala, non è quasi mai come lo vorremmo. Che succede se la nostra tendenza è quella di identificarci in maniera molto forte con questi continui giudizi? Non ci sentiamo a nostro agio, non ci sentiamo a casa e limitiamo in maniera significativa il nostro modo di vivere il corpo e nel corpo. Questo è ovviamente fonte di stress aggiuntivo a quello che magari stiamo già sperimentando. Meditiamo e portiamo la nostra attenzione al corpo per coltivare un atteggiamento più sano ed equilibrato con esso, smettiamo di farci la guerra in casa.

Infine, con la pratica meditativa, ci accorgeremo che il nostro corpo è in costante cambiamento, non è un’entità statica. Le sensazioni fisiche sorgono, si modificano, si spostano, svaniscono. Quello che è intenso prima o poi si affievolisce così come una sensazione debole può diventare molto forte. La pelle invecchia, i capelli cadono e si ingrigiscono, i muscoli si afflosciano, i sensi si affievoliscono, il cervello perde funzionalità. Il corpo cambia, sempre. Accogliere questi cambiamenti nel corpo diventa un passo fondamentale per aprirci e non resistere al cambiamento continuo nelle nostre vite.

Il corpo è saggio, ci dice sempre la verità. Con la pratica possiamo scegliere intenzionalmente di sintonizzarci ed ascoltarla.

 

 

VUOI SAPERE QUALCOSA DI PIÙ SUL PROTOCOLLO PER LA RIDUZIONE DELLO STRESS BASATO SULLA MINDFULNESS (MBSR)? CLICCA QUI
VUOI PARTECIPARE ALLA NOSTRA SERATA GRATUITA DI PRESENTAZIONE DEL CORSO MBSR (MINDFULNESS BASED STRESS REDUCTION) A TORINO? PRENOTATI QUI
Condividi questo contenuto