Momento presente.

Il protocollo di riduzione dello stress, vivere con intenzione il momento presente

Il protocollo dura 8 settimane, gli incontri sono 9 perché uno di questi è una giornata intensiva. Si fa tanta pratica, si lavora sull’esperienza diretta e si aggiungono spunti teorici che possono arricchire quanto fatto. Serve motivazione, serve essere disposti a lavorare su di sé e sporcarsi un po’ le mani. Come per un qualsiasi allenamento, sarà necessario lavorare giornalmente anche a casa: la nostra attenzione al momento presente potrebbe essere più incostante di quanto immaginiamo, ma la notizia positiva è che si può migliorare.

Vivere intenzionalmente nel momento presente

Il punto di ogni corso è quello di invitare le persone a fare qualcosa per sé di radicalmente nuovo: vivere con intenzione momento dopo momento, a prescindere da quello che c’è. Quanto spesso siamo persi in ricordi o programmazioni, tanto da vedere attraverso un filtro l’unica esperienza di cui realmente disponiamo?

Le persone che iniziano questo percorso sono stressate, sono stanche e hanno bisogno di trovare un nuovo modo per gestire la loro sofferenza. Quello che incominciamo a fare dal primo momento del primo incontro è invitare ad essere qui, semplicemente qui.

Questo è il modo per iniziare a cambiare il relazionarsi con la “catastrofe” – per citare Jon Kabat-Zinn – della nostra vita.

Modi per ascoltarsi

Lavoreremo su come imparare ad ascoltarci meglio. Spesso ci sembra lo stress arrivi di soppiatto. Un giorno siamo felici e appagati, dopo un mese ci sembra di reggere un carico decisamente superiore alle aspettative.

Insegneremo ad utilizzare strumenti che attingono a risorse già presenti all’interno di ciascuno. Portare attenzione lo sappiamo fare, e da qui si fonda tutto.

Come sarebbe iniziare ad ascoltare quello che arriva nel nostro corpo-mente in maniera consapevole e intenzionale? Quanto potrebbe arricchirsi la nostra esperienza e la nostra vita se solo ci concedessimo di stare in pace con le cose, così come sono in questo momento, piuttosto che continuare a lottare per mandare via ciò che ormai è arrivato?

Nella capacità di ascolto è insito un grandissimo potenziale di guarigione. Quello che ci intrappola è l’inconsapevolezza delle nostre reazioni a quello che succede. Anche se non le percepiamo, le viviamo lo stesso.

Il nostro corpo-mente si abitua, come un palato si adatta ai sapori piccanti. A volte arriviamo ad essere stressati senza sapere di esserlo, solo perché non abbiamo ascoltato quello che c’era da ascoltare e ormai siamo “assuefatti” alla situazione.

Praticare il non fare, praticare l’essere

Usiamo quasi tutte le nostre energie per fare, non importa cosa. Facciamo, ci attiviamo quando il fare ci porta ad un risultato. Proviamo a far lo stesso anche quando il fare non ci porterà da nessuna parte.

Se ho fame posso farmi un panino, ma se sono triste, quanto potrà aiutarmi vedere la tristezza come un ostacolo da scacciare? Nel momento in cui riconosco “tristezza” e mi attivo, magari facendo qualcosa per indurre un’emozione diversa, alla base di tutto mi sto dando questo messaggio “non va bene quello che c’è ora”. Sto delineando un’area della mia esperienza che in qualche modo non voglio e contro cui impiego energie. Vado a creare un conflitto con un qualcosa che se ne andrebbe via naturalmente da sé.

Nei protocolli praticheremo il non fare, che è un modo per dire che praticheremo l’essere. Per imparare a non fare si medita. Meditare non vuol dire scacciare pensieri. Non vuol dire controllarli, non vuol dire neanche rilassarsi, svuotare la mente o indurre benessere. Mindfulness è meditazione di consapevolezza, meditare vuol dire concedersi di essere presenti alla nostra vita in maniera piena, riconoscendo dignità alla nostra esperienza così per come arriva. Può creare più sofferenza non concedersi di essere triste che accettare semplicemente di “non fare”, di prendere atto della tristezza, abbracciarla e riconoscerla nelle sue qualità per poi lasciarla essere.

Condividi questo contenuto
Specchio d'acqua cristallino, come immagine per la chiara comprensione

La chiara comprensione – la seconda delle quattro qualità mentali

Che cosa si intende con “chiara comprensione”?

Si parla della capacità di comprendere ciò che sta avvenendo. Va ad includere gli aspetti dell’investigazione e della saggezza legati alla presenza mentale. Coltivare la chiara comprensione nella nostra pratica vuol dire sapere cosa stiamo facendo e perché lo stiamo facendo. La consapevolezza non è “semplicemente” essere presenti, è un qualcosa di più. Coltivando la qualità mentale di chiara comprensione lavoriamo anche sullo scopo e sull’adeguatezza di quello che facciamo: conosciamo e capiamo le motivazioni che sottendono le nostre azioni.

La motivazione è un elemento importante e già nominato nel breve post sull’Ardore. Come sono finito davanti al frigorifero aperto? Perché sto scorrendo la home di facebook da mezz’ora? La chiara comprensione può andare a cambiare le nostre vite dagli elementi più piccoli ai più grandi. Ci rende possibile chiederci se le nostre azioni sono appropriate, se ci sono utili. Potremmo imparare che forse, per quanto succulenta, non abbiamo bisogno di quell’altra porzione di cibo, siamo già sazi. Potrebbe capitare anche con il quarto o quinto caffè. Lo sto prendendo per riempire il tempo o sono davvero presente, qui, e so qual è la motivazione sottostante?

In che modo questa qualità mentale è di beneficio alla nostra pratica?

Com’è possibile che portare una chiara comprensione al respiro possa contribuire al mio modo di vivere in relazione? Più comprendiamo la nostra mente e più ci è possibile comprendere quella degli altri. Lo stress della vita di tutti i giorni a volte viene visto come una prerogativa personale. “La sofferenza che devo gestire io, nessun altro ce l’ha“. Questo fino a che, con la pratica, non diventa più facile ristrutturare la nostra lettura dell’esperienza. Questo fino a che non ci rendiamo conto che i punti di vista cambiano e sono tutti relativi.

Voglio concludere queste riflessioni di studio con una citazione di Joseph Goldstein “Una persona calma e assennata a bordo di una nave in burrasca può trarre in salvo tutti i passeggeri. Il mondo è come la nave, sballottata dai marosi dell’avidità, dell’odio e della paura. Vogliamo essere uno di quelli che contribuiscono alla sua sicurezza?“.

Praticare mindfulness può essere faticoso, ma ci fa scoprire anche quanto potenziale trasformativo abbiamo a disposizione. Per questo nei protocolli Mindfulness-Based si chiede tanto: è un modo per riconoscere la forza e le possibilità di ognuno.

Condividi questo contenuto